INTERVISTA A Davide Giacalone

  • 21/04/2017
INTERVISTA A Davide Giacalone

Giornalista e scrittore



Cos’è per lei l’energia elettrica?

Quello che, immagino, sia per tutti: il motore invisibile della nostra vita, l’irrinunciabile fonte di moltissime attività

Ha un ricordo personale legato all’energia?

Un parlamentare del dopoguerra, Francesco De Vita. Si batté per l’elettrificazione di Marsala, ma volendo dimostrare che non lo faceva per interesse personale volle che la sua fosse l’ultima abitazione ad essere allacciata alla rete. Un esempio raro….soprattutto alla luce di quello che succede oggi

Si considera un risparmiatore energetico?

Sì. E proprio ai temi dell’energia dedicai un libro, molti anni fa: “Il seme e l’atomo”.

Cosa fa concretamente per risparmiare energia?

Spengo la luce nelle stanze dalle quali esco e richiamo i familiari ad analoga condotta. Non credo, in tal modo, di risolvere problemi collettivi, ma di praticare un costume che sarebbe estremamente utile, se collettivo

Cosa illuminerebbe meglio nella sua città o più in generale in Italia?

“Meglio” non è necessariamente “di più”. L’Italia è un paradiso di storia, che va rispettato nell’architettura, ma anche nella luce

Come renderebbe più “simpatici” i tralicci dell’alta tensione?

Interrarli. Ma mi rendo conto che è costoso

Dia un consiglio a Terna!

Non saprei proprio. Mi pare che faccia bene il suo lavoro