OBAMA: LA STRADA DELLE RINNOVABILI È IRREVERSIBILE

Accolto con una standing ovation, come una rockstar, Barack Obama ha tenuto una conferenza di oltre due ore al Global Food Innovation Summit di Milano
  • 10/05/2017
Obama: La strada delle rinnovabili è irreversibile

Clima, ambiente, energia, fame nel mondo, tra i temi affrontati

Cambiamenti climatici e innovazione energetica tra i temi chiave dell’atteso discorso di Barack Obama a Milano. L’ex presidente degli Stati Uniti il 9 maggio è stato l’ospite d’onore di Seeds & Chips, fiera internazionale dedicata al cibo tra le più importanti al mondo. Soffermandosi sulla questione energetica e ambientale, l’ex presidente Usa ha evidenziato come Trump poco dopo l’elezione abbia parlato di "ambientalismo fuori controllo", cambiando rotta sulla strada del drastico ridimensionamento delle fonti fossili e del carbone imboccata dalla sua Amministrazione.

“Ma il percorso verso un’economia basata sulle fonti rinnovabili è irreversibile”, ha ribadito Obama. Insomma “non si può cambiare rotta”, qualunque siano le leggi che si fanno a Washington. “Sono fiducioso che gli Stati Uniti continueranno a muoversi nella giusta direzione. Il settore privato lo sta già facendo. E si è accorto che è anche conveniente dal punto di vista economico” ha proseguito l'inquilino della Casa Bianca,“Quello che abbiamo fatto negli ultimi anni, infatti,  ha portato gli investimenti verso le energie rinnovabili. E in questo senso hanno cominciato a muoversi anche le case automobilistiche.  Noi avevamo fissato standard forti sull’eco-compatibilità delle auto.  Alcune case lo hanno adottato, altre lo stanno facendo più lentamente”. Per fare un esempio, Obama ha citato la California: “ È  il mercato più importante americano del settore e  ha adottato le nostre misure senza soffrirne”, ha commentato.

Grandi sfide dopo l'accordo di Parigi. Poche parole ma chiare sui Trattati di Parigi definiti “molto importanti” e da rispettare ad ogni costo: “Un accordo tra Cina e Stati Uniti che sono i Paesi che più inquinano partiva da un’idea precisa: bisogna subito fare qualcosa. Non ci sono più scuse né per noi né per altri. Oggi negli Usa e nel mondo abbiamo bisogno di leadership. Non possiamo permetterci di nasconderci dietro un dito e non prendere decisioni”.